CCIAA Pescara

Organo di controllo Olio DOP Aprutino-Pescarese

Angolo alto SX
Angolo alto DX
Pattern iniziale
Logo CCIAA Pescara
Google Plus
RSS
Home » Aree tematiche » Regolazione del mercato » Agricoltura » Organo di controllo Olio DOP Aprutino-Pescarese
Visure in inglese
Qualificazione filiere
Servizio di Mediazione
Verifiche PA
Fatture -PA
Atti depositati
Registro Imprese
Trail Abruzzo
Worldpass
Contratti di rete
Birtt
Servizio SNI
Centro Estero

PIANO CONTROLLI DOP APRUTINO PESCARESEApprovato con Nota n° 13228 del 2 luglio 2015 dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e in vigore a partire dalla campgna olearia 2015.

Il Reg. UE 1151/2012 richiede che i prodotti agroalimentari che beneficiano della DOP siano conformi ad un disciplinare di produzione, e la verifica del rispetto dei requisiti disciplinati sia effettuata da strutture di controllo autorizzate dagli Stati Membri anteriormente all’immissione in commercio del prodotto.

Scopo

Scopo del Piano di Controllo è quello di illustrare le modalità procedurali e gestionali adottate dalla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di PESCARA per svolgere l’attività di controllo di conformità e certificazione della DOP OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA “APRUTINO PESCARESE”.

L’obiettivo è assicurare attraverso l’attività di valutazione, ispezione e prove il rispetto dei requisiti di conformità previsti dal disciplinare di produzione e dal piano dei controlli approvato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Campo di applicazione

Il Piano si applica a tutti i soggetti che intendono far parte della filiera produttiva della Denominazione di Origine Protetta OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA “APRUTINO PESCARESE” conformandosi alle prescrizioni ed assoggettandosi ai controlli di conformità effettuati da Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di PESCARA previsti dal presente Piano di Controllo.

PIANO DEI CONTROLLI

Il Piano dei Controlli, redatto sulla base di Regolamenti, leggi e documenti, contiene tutti gli elementi che caratterizzano il prodotto olio extravergine di oliva DOP e descrive l'insieme dei controlli ai quali lo stesso deve essere sottoposto affinché possa essere commercializzato con la DOP.

E’ composto dal documento tecnico e dallo schema dei controlli. Entrambi i documenti sono distribuiti agli operatori di filiera, ai tecnici ispettori ed al personale dell’Organismo di Controllo (OdC), che è la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pescara (CC PE), in qualità di Autorità Pubblica designata.

DOCUMENTO TECNICO

Riporta le procedure seguite dall’OdC per il controllo della DOP, il piano di campionamento, gli obblighi, le direttive e le regole a carico degli operatori al fine di garantire il rispetto dei requisiti di conformità.

SCHEMA DEI CONTROLLI

Lo schema dei controlli è strutturato in forma di matrice:
per ogni soggetto, sono riportate le procedure o fasi di processo applicabili, il requisito da verificare e l’attività di autocontrollo richiesta da CC PE; in esso sono specificate il tipo ed entità del controllo, le non conformità, la gravità della non conformità, il trattamento e l’azione corrispondente effettuata da CC PE.

Lo schema nelle colonne descrizione del requisito, autocontrollo ed entità del controllo richiama in modo puntuale per ciascuna fase di processo il documento tecnico e il piano di campionamento.

Documenti disponibili:

 

PIANO TARIFFARIO ALLEGATO AL DISPOSITIVO DI CONTROLLO DELLA DOP APRUTINO PESCARESE

I prezzi (IVA esclusa) riportati nel presente tariffario sono riferiti alle attività indicate nel piano dei controlli  di conformità della Denominazione olio “DOP Aprutino Pescarese”.

Le tariffe sono quelle vigenti all’atto della richiesta di iscrizione al sistema dei controlli; eventuali successivi aggiornamenti verranno sottoposti preventivamente all’approvazione del Mipaaf e comunicati a coloro che hanno aderito al sistema di controllo.

Valutazione iniziale della conformità

La tariffa è dovuta solamente il I° anno di assoggettamento al controllo ed include oltre il controllo documentale anche la visita ispettiva presso l’operatore.

 

Voce del tariffario

Operatore

 

Tariffa

annuale

Quota fissa

Olivicoltore

 

€ 31,00

 

Quota fissa

Frantoiano

 

€ 31,00

 

Quota fissa

Intermediario

 

€ 31,00

 

Quota fissa

Confezionatore

 

€ 31,00

 

 

Mantenimento della conformità

La tariffa è dovuta per il controllo del mantenimento della conformità ed include il controllo documentale e la visita ispettiva presso l’operatore

 

Voce del tariffario

Operatore

Tariffa

annuale

Quota fissa

Olivicoltore

€ 20,00

Quota fissa

Frantoiano

€ 20,00

Quota fissa

Intermediario

€ 20,00

Quota fissa

Confezionatore

€ 20,00


 

Voce del tariffario

Operatore

Unità

Tariffa

 

Quota variabile

Olivicoltore, Frantoiano, Intermediario, Confezionatore

Olio controllato per il quale è richiesta la stampa etichette ai fini del confezionamento

€ 0,03 a litro più € 13,00 a partita/lotto di olio controllato

 

 

Prove organolettiche e chimico-fisiche

Le prove vengono effettuate su ciascun lotto / partita di olio atto a DOP per i parametri caratteristici della Denominazione olio “DOP Aprutino Pescarese”, specificati nel disciplinare di produzione.

Le prove chimico fisiche verranno effettuate presso laboratori accreditati a fronte della norma ISO/IEC 17025

 

Costo Analisi organolettica per ogni campione prelevato

€ 80,00 più Iva

Costo Analisi chimico fisica per ogni campione idoneo all’analisi organolettica

€ 90,00 più Iva

 

Prestazioni aggiuntive

Tra queste prestazioni rientrano:

  • visite di accertamento in seguito alla rilevazione di non conformità o per verifica dell’applicazione delle azioni correttive, secondo quanto previsto dal Piano dei Controlli;
  • analisi organolettiche e/o chimiche aggiuntive (analisi di appello), per la verifica delle caratteristiche del prodotto (a seguito di richiesta controanalisi per le quali i costi vanno attribuiti alla parte soccombente): in base alle tariffe applicate dal Comitato di Assaggio e dal Laboratorio utilizzati.

lisi organolettiche

(ricorso al Comitato di assaggio di appello)

al costo di Comitato di assaggio individuato

Analisi chimico-fisiche

(ricorso al Laboratorio di analisi di appello)

al costo di laboratorio individuato

 

Modalità di pagamento

I pagamenti alla CCIAA di Pescara vengono richiesti con le seguenti scadenze:

  • Le quote fisse e le quote variabili rispettivamente al momento della domanda di adesione al sistema dei controlli, e al momento della richiesta stampa etichette;
  • Le quote relative all’analisi organolettica  e all’analisi chimiche devono essere versate rispettivamente al momento della richiesta di campionamento e al momento della comunicazione dell’esito conforme all’analisi organolettica;

I pagamenti possono essere effettuati presso l’ufficio controlli in contanti o tramite bollettino postale sul CCP 15593650 o tramite bonifico bancario intestato al conto di tesoreria in uso di CCIAA di Pescara.

I pagamenti per Analisi organolettiche e/o chimiche aggiuntive (analisi di appello), devono essere effettuati a 15 giorni dalla emissione della fattura, da parte dei relativi comitati/laboratori individuati.

Il mancato assolvimento degli obblighi pecuniari genera una richiesta di pagamento da parte dell’OdC. La richiesta consiste nell’invio dell’estratto conto e di una lettera in cui viene indicato il corrispettivo da pagare e le modalità di pagamento nonché i termini entro cui fornire prove dell’avvenuto pagamento. Qualora l’operatore non saldi quanto dovuto, l’OdC comunica l’inadempienza all’ICQRF.

Nella citata comunicazione dell’OdC all’operatore sarà evidenziato anche il seguente estratto normativo: Il D.Lgs. 297 del 19/11/2004 Art. 3 comma 2) prevede salva l'applicazione delle norme penali vigenti, che il soggetto immesso nel sistema di controllo, che non assolve gli obblighi pecuniari, in modo totale o parziale, limitatamente allo svolgimento dell'attività della struttura di controllo, per la denominazione protetta rivendicata dal soggetto stesso, previa verifica da parte del MIPAAF, è sottoposto alla sanzione amministrativa pecuniaria pari al triplo dell'importo dell'obbligo pecuniario accertato. Le sanzioni sono di competenza del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

 

ReclamiAi sensi  del punto 30.1 del  Piano Controlli approvato dal MIPAAF gli operatori possono effettuare reclami; l’esito delle indagini e le motivazioni per le relative decisioni sono emessi entro 30 giorni dalla data di ricezione del reclamo da parte dell'Organismo di Controllo.

Il Responsabile dell’azienda, presso la quale, in sede di ispezione, sono state rilevate infrazioni alle norme, nel caso non concordi con la valutazione del tecnico controllore, deve riportare e sottoscrivere nella relazione di ispezione le motivazioni del suo dissenso.

Tutti i reclami attinenti, a qualsiasi livello, l’attività di Camera di Commercio di Pescara dovranno essere trasmessi all’attenzione del Dirigente di settore e del funzionario delegato, i quali dovranno provvedere in merito.

 

Ricorsi

Ai sensi del punto 30.2 del Piano Controlli approvato dal MIPAAF gli operatori possono presentare ricorso contro provvedimenti di sospensione o ritiro della certificazione emessi da CC PE secondo le modalità stabilite dalla normativa e dal  Piano Controlli.

Le spese relative alla gestione del ricorso sono a carico della parte soccombente. In particolare l'Operatore potrà fare ricorso scritto al comitato ricorsi, e per conoscenza al Comitato Certificazione, contro le decisioni assunte, esponendo le ragioni del suo dissenso e trasmettendo idonea documentazione, entro 15 giorni dal ricevimento della comunicazione del provvedimento.

Il Comitato ricorsi decide, entro trenta giorni dalla data di arrivo del ricorso, in merito al rigetto ovvero al mantenimento della azione correttiva ed invia l'esito all'Operatore.

Se l’azione di ricorso da parte dell’operatore prevede la presentazione di risultati analitici, questi dovranno pervenire sotto forma di Rapporto di Prova da laboratori accreditati secondo le norme UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 che impiegano metodi di prova accreditati. CC PE non è comunque competente a decidere in merito a provvedimenti sanzionatori emanati dall'Autorità Competente ai sensi della normativa comunitaria e nazionale vigente.

Qualsiasi controversia relativa all’applicazione del Piano Controlli sarà risolta presso il Foro competente della sede dell’Organismo di Controllo.

 

Elenco Aziende inserite nel sistema di controllo

Campagna 2016: scarica il file.

Ultima modifica

11/07/2017

Riferimenti in quest\'area

Via conte di Ruvo 14, Pescara, Abruzzo, Italia
Telefono: +39 0854536216
Caricamento Google Maps.......attendere
Leggi anche
- Inizio della pagina -

Camera di Commercio di Pescara - P.IVA 00338600687 - PEC cciaa.pescara@pe.legalmail.camcom.it
Progetto realizzato con il CMS ISWEB di Internet Soluzioni :: Azienda certificata ISO 9001:2008

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0
Il progetto CCIAA Pescara è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it