CCIAA Pescara

Commercio all'ingrosso di prodotti alimentari e non

Angolo alto SX
Angolo alto DX
Pattern iniziale
Logo CCIAA Pescara
Google Plus
RSS
Home » Aree tematiche » Anagrafica e certificazione » Registro imprese e REA » Attivita' regolamentate » Commercio all'ingrosso di prodotti alimentari e non
Visure in inglese
Qualificazione filiere
Servizio di Mediazione
Verifiche PA
Fatture -PA
Atti depositati
Registro Imprese
Trail Abruzzo
Worldpass
Contratti di rete
Birtt
Servizio SNI
Centro Estero

L’esercizio dell’attività di commercio all’ingrosso è subordinato al possesso di determinati requisiti previsti dai commi da 6 a 10 dell’art. 1 della legge Regionale n. 11 del 16 luglio 2008: “Nuove norme in materia di commercio”. Il possesso dei suddetti requisiti deve essere verificato, ai sensi del art. 1, comma 35, della suddetta legge, così come modificato dall’art. 4 della L. R. 17/2010, dalle Camere di Commercio competenti territorialmente.
 

REQUISITI NECESSARI
Per l’esercizio di commercio all'ingrosso di prodotti alimentari e non alimentari è necessario il possesso dei soli requisiti morali.

REQUISITI MORALI
Non possono esercitare l'attività commerciale:

  1. coloro che sono stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione;
  2. coloro che hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, una condanna a pena detentiva non inferiore a tre anni per delitto non colposo;
  3. coloro che hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, una condanna a pena detentiva per uno dei delitti di cui al libro II, titolo VIII, capo II, ovvero per uno dei delitti previsti dagli articoli 628, 629, 641, 644, 648, 648-bis, dall'articolo 216 R.D. 267/1942 o di cui al Libro II titolo XII del Codice penale;
  4. coloro che hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, una condanna per reati contro l'igiene e la sanità pubblica, compresi i delitti di cui al libro II, titolo VI, capo II del Codice penale;
  5. coloro che hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, due o più condanne, nel quinquennio precedente all'inizio dell'esercizio dell'attività, per delitti di frode nella preparazione o nel commercio degli alimenti, previsti da leggi speciali;
  6. coloro che sono sottoposti ad una delle misure di prevenzione di cui alla Legge 27 dicembre 1956, n. 1423 (Misure di prevenzione nei confronti delle persone pericolose per la sicurezza e per la pubblica moralità) da ultimo modificata dalla legge 26 marzo 2001 n. 128 o nei cui confronti è stata applicata una delle misure previste dalla legge 31 maggio 1965, n. 575 (disposizioni contro la mafia) da ultimo modificata dalla legge 11 agosto 2003, n.228 ovvero sono sottoposti a misure di sicurezza.
  7. Il divieto di esercizio dell'attività commerciale permane per la durata di 3 anni a decorrere dal giorno in cui la pena è stata scontata. Qualora la pena si sia estinta in altro modo il termine di tre anni decorre dal giorno del passaggio in giudicato della sentenza. Qualora sia stata concessa la sospensione condizionale della pena non si applica il divieto di esercizio dell’attività.
  8. I requisiti morali devono essere posseduti da tutti i soggetti per i quali la legge prevede l'accertamento antimafia (decreto legislativo 252/98), quindi dai titolari per le imprese individuali, da tutti i soci per le snc, dai soci accomandatari per le Sas, dai legali rappresentanti e da tutti i componenti dell'organo amministrativo per le Srl, le Spa, le cooperative, le associazioni e gli enti; dal loro rappresentante in Italia per le società estere.


Si evidenzia che per l'esercizio del commercio all'ingrosso di prodotti alimentari con deposito è necessario l'ottenimento dell'autorizzazione sanitaria (da allegare alla pratica telematica di inizio attività) relativa ai locali dove sono stoccate le merci.


Le società che effettuano il commercio all'ingrosso e cambiano gli amministratori devono far compilare ai nuovi amministratori le dichiarazioni relative ai requisiti morali ed allegarle alla pratica (Modello S2 e Intercalare P) depositata per la nomina alla carica di amministratore dei nuovi soggetti.
Il possesso dei requisiti morali va dichiarato – all’atto dell’iscrizione al Registro imprese - utilizzando l'apposito modello scaricabile da questo sito.

(il modulo è disponibile nel richiamo "Modulistica")

 

Ultima modifica

11/02/2016
Leggi anche

Focus correlati

22-01-2018
Da domani 23 gennaio 2018, coloro che devono rivolgersi allo sportello Firma Digitale/Carte tachigrafiche della sede di ....
18-01-2018
Il Ministero dello Sviluppo Economico con nota n. 26505 del 16/01/2018 ha ritenuto non necessario aggiornare le misure ....
01-06-2017
Il prossimo 15 e 16 giugno è previsto un corso di aggiornamento obbligatorio per Mediatori Professionisti. Il ....
01-03-2017
ConciliaCamera è il servizio online messo a punto dalle Camere di Commercio d'Italia al quale anche la CCIAA ....
- Inizio della pagina -

Camera di Commercio di Pescara - P.IVA 00338600687 - PEC cciaa.pescara@pe.legalmail.camcom.it
Progetto realizzato con il CMS ISWEB di Internet Soluzioni :: Azienda certificata ISO 9001:2008

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0
Il progetto CCIAA Pescara è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it