CCIAA Pescara

Le SRL semplificate

Angolo alto SX
Angolo alto DX
Pattern iniziale
Logo CCIAA Pescara
Google Plus
RSS
Visure in inglese
Qualificazione filiere
Servizio di Mediazione
Verifiche PA
Fatture -PA
Atti depositati
Registro Imprese
Trail Abruzzo
Worldpass
Contratti di rete
Birtt
Servizio SNI
Centro Estero

S.R.L. semplificata  e S.R.L. ordinaria novità

 

S.r.l. semplificata

L'art. 3 del Decreto Legge 24 gennaio 2012 n. 1, ora convertito in legge, ha introdotto il nuovo articolo 2463 bis del Codice Civile che prevede la possibilità di costituire un nuovo modello societario: la "Società semplificata a responsabilità limitata".
Ecco in sintesi le caratteristiche della nuova società dopo la conversione del "decreto del lavoro":
• l'atto costitutivo deve essere redatto per atto pubblico e quindi richiede l'intervento del Notaio senza che sia dovuto l'onorario notarile;
• può essere costituita solo da persone fisiche;
• non vi sono limiti di età dei soci costituenti;
• il capitale può variare da 1 a 9999 euro ed il conferimento deve farsi in denaro agli amministratori;
• non vi sono limiti alla cessione delle quote;
• l'iscrizione nel registro delle imprese è telematica ed esente da bollo e diritti di segreteria;
• le clausole del modello standard di atto costitutivo previsto da apposito Decreto del Ministero della Giustizia sono inderogabili.

 

Srl ordinaria novità

La S.r.l. ordinaria può essere costituita (senza limiti alla volontà contrattuale) secondo i parametri previsti dal D. Lgs. 6/2003. Tuttavia:
• al momento della sottoscrizione dell'atto costitutivo il versamento del 25% del capitale deve essere fatto agli amministratori anziché in banca;
• qualora il capitale venga fissato in misura inferiore ai 10.000 euro i conferimenti devono essere obbligatoriamente in denaro.
 

Le novità introdotte dal D.L. 76/2013
 

La legge di conversione del decreto legge 76/2013 ha introdotto importanti novità che modificano la disciplina delle S.r.l., delle società a responsabilità limitata semplificate (in sigla S.r.l.s.) e sanciscono l’uscita di scena delle società a responsabilità limitata a capitale ridotto (in sigla S.r.l.c.r.).
La legge in questione, infatti, abolisce la neonata S.r.l.c.r. (e cioè la società a responsabilità limitata con capitale ridotto, introdotta dal decreto legge 83/2012); consente di costituire Srl "ordinarie" con capitale anche inferiore ai 10mila euro; riforma la S.r.l.s. (la società a responsabilità limitata semplificata, introdotta dal dl 1/2012) non limitandola più alla partecipazione di soci con meno di 35 anni.
Non si possono più costituire S.r.l.c.r. e tutte le S.r.l.c.r. finora costituite sono "convertite" e "ridenominate" in S.r.l.s., senza che per tale fine occorra la stipula di alcun atto formale (la conversione verrà effettuata d’ufficio dal Registro delle Imprese).
Viene, inoltre, abolito il divieto di costituire S.r.l.s. per chi abbia già compiuto 35 anni: qualunque persona fisica può ora essere socia di una S.r.l.s.. Rimane invece il vincolo preesistente circa l'insuscettibilità della S.r.l.s. ad avere soci diverse dalle persone fisiche: e ciò sia in sede di costituzione sia nel corso della vita della società (cosicchè i soggetti diversi dalle persone fisiche non possono entrare in una S.r.l.s. né per acquisto di quote né per effetto di operazioni come aumenti di capitale, fusioni e scissioni).
Altra novità è la previsione secondo cui gli amministratori della S.r.l.s. non devono più, come accadeva anteriormente, essere anche necessariamente soci: disposizione che nei fatti apre l'organo amministrativo della S.r.l.s. alla partecipazione di persone fisiche non socie e, forse, anche alla partecipazione di soggetti diversi dalle persone fisiche (salvo che un divieto in tal senso implicitamente derivi dal fatto che la S.r.l.s. costituisce l'unico tipo sociale del nostro ordinamento nel quale solo le persone fisiche possono rivestire la qualità di soci).
Come noto, la S.r.l.s. è caratterizzata dal fatto che il suo atto costitutivo deve essere conforme al modello standard dettato con decreto ministeriale (si tratta del decreto del ministero della Giustizia 23 giugno 2012, n. 138, che , probabilmente, dovrà essere oggetto di ritocco, "a valle" della conversione del decreto legge 76/2013). Ebbene, viene ora disposto che le clausole di questo modello sono inderogabili, mettendo in questo modo la parola fine al controverso tema della modificabilità pattizia delle formule contenute nel regolamento ministeriale.
In altri termini, chi vuole costituire la S.r.l.s., deve tenersela così come delineata nella legge e nel decreto attuativo (ciò che giustifica la riduzione dei costi di costituzione e, in specie, la gratuità dell'intervento notarile); chi invece vuole una Srl con capitale ridotto ma con statuto non standard, deve utilizzare la Srl "ordinaria" con le regole previste per il caso del capitale inferiore ai 10mila euro.
La Srl disegnata dalla legge di conversione del decreto 76/2013 presenta poi, come principale innovazione, il fatto di poter avere il capitale sociale inferiore ai 10mila euro e non inferiore a 1 euro. In questo caso:
- non possono essere effettuati conferimenti diversi dal denaro (e quindi non sono possibili i conferimenti in natura);
- i conferimenti in denaro vanno per intero versati nelle mani di coloro che sono nominati amministratori della società (e di conseguenza non è ammesso il cosiddetto versamento "per centesimi");
- una somma pari a un quinto degli utili netti risultanti dal bilancio di ogni esercizio deve essere mandata a formare la riserva legale, e ciò fino a che il patrimonio netto della società non abbia raggiunto la soglia di 10mila euro (dopo di che - se ne ricorrono i presupposti - torna vigente la regola ordinaria, per la quale un ventesimo degli utili netti deve essere destinato, in ogni esercizio, a integrare la riserva legale fino a che essa non abbia raggiunto il quinto del capitale sociale);
- tale riserva può essere utilizzata solo per imputarla a capitale sociale o per copertura di eventuali perdite; e deve essere sempre reintegrata in tutti i casi in cui risulta diminuita per qualsiasi ragione.
Per tutte le Srl viene infine disposta l'abolizione del versamento in banca del capitale iniziale: i "centesimi" d'ora innanzi si affidano ai neo nominati amministratori.
 

Riferimenti Normativi:

 

Allegato 1 al D.M. n. 138/2012- Modello standard dell’atto costitutivo e statuto.

 

.

 

Ultima modifica

24/01/2013
Leggi anche
- Inizio della pagina -

Camera di Commercio di Pescara - P.IVA 00338600687 - PEC cciaa.pescara@pe.legalmail.camcom.it
Progetto realizzato con il CMS ISWEB di Internet Soluzioni :: Azienda certificata ISO 9001:2008

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0
Il progetto CCIAA Pescara è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it