CCIAA Pescara

Clausole Vessatorie & Contratti tipo

Angolo alto SX
Angolo alto DX
Pattern iniziale
Logo CCIAA Pescara
Google Plus
RSS
Home » Aree tematiche » Regolazione del mercato » Clausole Vessatorie & Contratti tipo

La legge 29 dicembre 1993 n. 580 enuclea alcune funzioni che si possono definire “di regolazione del mercato", finalizzate ad assicurare un corretto funzionamento del mercato e ad eliminare potenziali situazioni di conflitto tra i soggetti operanti nello stesso. Nell’ambito di tali attività si menzionano:
- la predisposizione di clausole e contratti tipo tra imprese, loro associazioni e associazioni di tutela degli interessi dei consumatori e degli utenti;
- la promozione di forme di controllo sulla presenza di clausole inique inserite nei contratti.
Fondamentale riferimento normativo è il "Codice del consumo", adottato con decreto legislativo n. 206 del 6 settembre 2005 che definisce:
- consumatore come la persona fisica che nelle pratiche commerciali agisce per fini che non rientrano nel quadro della sua attività commerciale, industriale, artigianale o professionale;
- professionista come la persona fisica o giuridica che nelle pratiche commerciali agisce nel quadro della sua attività commerciale, industriale, artigianale o professionale e chiunque agisce in nome o per conto di un professionista.

La disciplina inerente le clausole vessatorie, in particolare, è rintracciabile nella parte terza, dedicata al “Rapporto di Consumo” (artt. 33 – 38): l’art. 33 definisce infatti vessatorie le clausole che, malgrado la buona fede, determinano a carico del consumatore un significativo squilibrio dei diritti ed obblighi derivanti dal contratto; il medesimo articolo elenca poi una serie di clausole ritenute vessatorie, fino a prova contraria.


Al fine di dare compiuta attuazione alle suddette disposizioni la CCIAA di Pescara ha adottato un apposito Regolamento ed ha istituito un’apposita Commissione, denominata Commissione per la Regolazione del Mercato, avente il compito di esprimere pareri tecnici e di formulare proposte in una posizione di terzietà rispetto agli attori del mercato. La stessa si compone di un Presidente, che è di diritto il Dirigente dell’Area Regolazione del Mercato, e da quattro membri dotati di particolari competenze tecniche, giuridiche ed economiche, nominati dalla Giunta camerale: un docente universitario esperto in diritto civile e dei consumatori, al quale sono assegnate le funzioni di Vicepresidente e tre esperti designati dagli Ordini dei Commercialisti, degli Avvocati e dei Notai della provincia di Pescara.
Le funzioni che la Commissione è chiamata a svolgere sono le seguenti:

  • esprimere parere in materia di vessatorietà delle clausole inserite in contratti che regolano i rapporti fra professionisti e consumatori concernenti la cessione di beni e servizi, proponendo eventualmente alla Giunta camerale l’esercizio dell’azione inibitoria ex art. 37 del Codice del consumo;
  • promuovere la predisposizione di contratti tipo tra imprese e tra imprese e consumatori e dei codici di condotta e li propone, per l’adozione, alla Giunta camerale;
  • proporre alla Giunta camerale la costituzione di parte civile della Camera nei processi per i delitti contro l’economia pubblica, l’industria e il commercio, nonché l’attivazione dei procedimenti ex art. 2601 c.c. per la repressione della concorrenza sleale;
  • anche in collaborazione con enti pubblici, Associazioni di categoria imprenditoriali e dei consumatori interessate, promuovere altre iniziative di regolazione del mercato finalizzate al suo più trasparente ed efficiente funzionamento.

 

Banca Dati Contratti Tipo


Sul portale http://www.contratti-tipo.camcom.it, gestito da Unioncamere, è disponibile una banca dati nazionale, consultabile gratuitamente, che contiene una serie di contratti tipo, codici di condotta e autodisciplina e pareri sulla presenza di clausole vessatorie in relazione ai principali Settori economici (Turismo, Servizi, Commercio, Artigianato, Immobiliare etc.).
La banca dati, frutto di un progetto nazionale ex art. 9 D.M. 2 marzo 2006, coordinato da Unioncamere in collaborazione con diverse Camere di Commercio, Ministero dello Sviluppo Economico, Autorità Garante della concorrenza e del mercato ed Associazioni di categoria e dei consumatori, mette a disposizione dei consumatori e degli operatori economici prototipi di contratti equi e liberi da clausole inique o squilibrate.
L’uso dei contratti tipo visionabili sul sito non è obbligatorio ma sicuramente consigliato perché propone un rapporto contrattuale equilibrato che accresce la competitività delle imprese ed evita l’insorgenza di problemi con i consumatori.
 

Riferimenti in quest\'area

Pescara, Pescara, Abruzzo, Italia
Caricamento Google Maps.......attendere
Leggi anche
- Inizio della pagina -

Camera di Commercio di Pescara - P.IVA 00338600687 - PEC cciaa.pescara@pe.legalmail.camcom.it
Progetto realizzato con il CMS ISWEB di Internet Soluzioni :: Azienda certificata ISO 9001:2008

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0
Il progetto CCIAA Pescara è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it